Primo Piano

Verso il 1° Maggio

“In questi giorni abbiamo assistito a una crociata ideologica, da parte di Letizia Moratti e della sua Giunta, per mettere sotto attacco un simbolo dei diritti dei lavoratori come il primo maggio. E’ stato usato in maniera strumentale l’argomento della crisi, sapendo perfettamente che non è così che si devono affrontare i problemi dell’occupazione e del rilancio dell’economia di Milano”.

Con queste parole interviene Giuliano Pisapia alla vigilia della Festa dei Lavoratori.

“A Milano c’è una situazione preoccupante con un altissimo tasso di disoccupazione giovanile pari al 24%. Non dobbiamo sottovalutare poi la continua perdita di posti di lavoro da parte di 40-50enni. Lo ha ricordato ieri anche il cardinale Tettamanzi, chiedendo l’impegno di tutti per contrastare il precariato.

Domani, sarò a fianco dei lavoratori in corteo, ma voglio sottolineare che sarò al loro fianco tutti i giorni nel mio lavoro quando sarò al governo della città. E’ necessario intervenire con politiche del lavoro concrete come l’utilizzo del microcredito per il sostegno all’avvio della piccole media impresa; come lo sportello municipale per favorire l’imprenditoria giovanile in collaborazione con le università milanesi.  Occorre, inoltre, rafforzare e diffondere la formazione professionale per coloro che, a causa della grave crisi, si ritrovano senza un lavoro, in modo da facilitarne il loro reinserimento anche in altre aree professionali”.

“Ogni cittadino – aggiunge Pisapia – deve essere messo nella condizione di trovare un posto di lavoro, così come ricordato dall’art. 4 della costituzione. Festeggiando domani la ricorrenza del primo maggio, voglio ricordare come il lavoro sia fondamentale per la dignità dell’uomo”.