Lettera aperta di Davide Corritore

Lettera a sostegno della candidatura di Giuliano Pisapia
Sindaco x Milano
di Davide Corritore

Tra poco più di un mese il popolo del centro-sinistra sceglierà il nome del candidato sindaco cui affidare la sfida elettorale per riportare a Milano il buon governo. Dovrà essere un uomo capace di fare prevalere il bene comune, l’interesse della civitas, sugli interessi particolari che paralizzano da anni la nostra città.

Sono primarie ancor più significative, perché competitive e non semplicemente confermative come le precedenti e i primi passi sono incoraggianti: le candidature emerse rappresentano storie personali e professionali di eccellenza e intorno alle primarie il dibattito cresce, le occasioni di incontro in città e su internet si moltiplicano, migliaia di giovani e meno giovani ritrovano il gusto di interessarsi alla politica. Alle primarie del 2006 votarono più di 80mila milanesi, ma credo che questa volta si possa ottenere un risultato ancora migliore: almeno centomila. Quasi un quinto dei votanti effettivi! E se solo un decimo di questi centomila riuscisse a convincere un elettore di centrodestra o un indeciso (e sono moltissimi) il nostro sogno di governare Milano diventerebbe realtà.

Personalmente credo che per tornare a governare Milano il centro sinistra debba proporre un sindaco dalle provate capacità politiche, che sappia far rivivere le antiche tradizioni di buon governo della città. Una persona che abbia dedicato all’impegno civile e politico la sua esistenza, capace di includere anime e tradizioni culturali diverse nell’interesse del bene di tutti.

Per questo ho deciso di sostenere la candidatura di Giuliano Pisapia e di mettere a sua disposizione le mie competenze e la mia esperienza, nei campi dell’economia, dell’innovazione e della conoscenza e gestione della macchina comunale, per aiutarlo nella sua avventura.

Giuliano appartiene alla migliore tradizione del centrosinistra, attenta ai diritti e alle disuguaglianze, e nel suo lungo e importante percorso professionale e personale ha mantenuto una coerente fedeltà alla cultura della garanzia, del diritto e del rispetto delle regole insieme a un’autentica e vissuta solidarietà. Sono proprio i valori che ci sono più necessari dopo anni di una gestione della cosa pubblica tecnocratica e impolitica che ha finito per approfondire le disuguaglianze e il disagio dei cittadini anziché risolverlo.

Il fallimento dell’ultimo corso politico è dimostrato dall’irrisolta emergenza casa: entro tre anni la nostra città avrà dieci grattacieli di lusso alti in media 160 metri, mentre decine di migliaia di giovani e famiglie cercano una casa a prezzi ragionevoli senza trovarla.

Giuliano Pisapia – per la sua storia, la sua provata esperienza politica, le sue battaglie, la sua coerenza – ha la credibilità e la competenza per creare una squadra forte e coesa capace di far voltare pagina a questa città. E’ il candidato per vincere.

La mia scelta di sostenere Giuliano Pisapia è diversa dall’indicazione del Partito Democratico cui appartengo con un ruolo dirigente. E’ una scelta compiuta nel solco del pluralismo di opinioni su cui è nata l’idea stessa fondativa del PD che ho abbracciato fin dal primo giorno.

L’appuntamento è per tutti il 14 novembre, sarà una festa di democrazia e partecipazione e sceglieremo un candidato in cui tutti ci potremo riconoscere. Sarà l’avvio di un grande movimento che nel 2011 farà voltar pagina alla città.

La voglia di cambiare è forte e si fa sentire. Non deludiamola.