Primo Piano

Serve un tetto alle spese elettorali comunali

Maurizio Baruffi, portavoce della campagna elettorale, ieri ha giustamente dichiarato che bisogna fissare un limite alle spese elettorali. Faccio un esempio molto attuale: in questi giorni i cittadini di Milano stanno ricevendo dal sindaco in carica un volumetto con i risultati di questa amministrazione, un’edizione curata e molto costosa, di cui sono previste 600 mila copie. Tra stampa e spedizione questa campagna informativa costerà oltre un milione e mezzo di euro.
Sugli scarsi risultati dell’amministrazione uscente abbiamo già fatto un elenco ieri, quello da sottolineare oggi è altro. La sobrieta’ della mia campagna elettorale, che costerà complessivamente molto meno del libretto in questione, rappresenta un messaggio chiaro: vinceremo le elezioni senza sprecare denaro, così come governeremo la città senza ricorrere a contratti di consulenza milionari.
E in futuro ci batteremo per una legge che metta un tetto alle spese per le elezioni comunali, oggi fuori controllo.