Primo Piano

Pisapia sulle scuse della Moratti: “Chi chiede scusa non pone condizioni”.

“Di solito chi chiede scusa, ancorché dopo otto giorni e una sconfitta elettorale, non pone condizioni se pensa sinceramente di avere sbagliato.
Resta il fatto che potrei accettare le scuse della signora Moratti se dicesse apertamente chi le ha fornito le notizie false su di me e con chi ha organizzato quella messa in scena durante il faccia a faccia in tv.
Ora il nostro confronto avverrà nelle urne domenica 29 e lunedì 30 maggio.
Per quanto riguarda il programma e la visione del futuro di Milano il mio confronto avviene quotidianamente con i cittadini.
Di confronti pubblici ne abbiamo già fatti quattro: uno davanti agli scout, uno da SKY, una a Rai 3 e il quarto con le votazioni che si sono svolte il 14 e il 15 maggio”