Primo Piano

Pisapia: “Moratti aggiunge falsità a falsità, ne risponderà davanti all’autorità giudiziaria”

“Letizia Moratti, dichiarandosi moderata ma risultando estremista, insiste nella sue bugie e nella sua campagna diffamatoria, aggiungendo falsità a falsità, delle quali risponderà davanti all’autorità giudiziaria.

Io invece continuo ad avere la solidarietà e il consenso da parte di tante persone realmente moderate. Anche di chi magari aveva qualche indecisione. Alcune vittime del terrorismo, tra cui i figli di Vittorio Bachelet, di Walter Tobagi e di Guido Rossa mi hanno espresso in queste ore la loro solidarietà.

Letizia Moratti non è degna di fare il sindaco di Milano:  mentire sulle vicende personali di giustizia (tra la parola “amnistiato” e la parola “assolto con formula piena” c’è una differenza abissale) è grave per un sindaco in carica che potrebbe usare, per convenienza, lo stesso metodo in altri frangenti. Avrebbe fatto meglio a chiedere scusa, come le hanno consigliato tante persone non certo a me politicamente vicine. Tra queste voglio ricordare Maurizio Lupi, che come me è stato allievo di don Giussani. Lei ha perso la testa, noi non perderemo la calma”.

Questa la risposta di Giuliano Pisapia alla dichiarazione di Letizia Moratti che, continuando sulla scia di menzogne di ieri, oggi lo accusa di essere stato vicino ad ambienti terroristici.