Primo Piano

Le biblioteche centro dell’attività culturale nei quartieri

A Milano serve una maggiore attenzione alla cultura a partire dalla creazione di spazi nelle periferie. La produzione culturale e l’aggregazione giovanile come stimolo per la creatività sono temi cruciali, è bene quindi che esistano spazi destinati a questa finalità su tutto il territorio. In particolare penso alle biblioteche di quartiere come protagoniste e generatrici di progetti e politiche culturali. Saranno queste i luoghi di riferimento per favorire la socialità e l’integrazione culturale della popolazione.
Il modello ispiratore sono gli Idea Stores di Londra, che a Milano potrebbe prendere il nome di Emporio delle idee. Le biblioteche dovranno ospitare incontri, corsi, spettacoli, caffetterie e librerie; ci sarà maggiore attenzione anche agli spazi destinati ai bambini e ai ragazzi. L’apertura delle biblioteche infine deve essere estesa alle ore serali e ai fine settimana. Perché la cultura è come l’ossigeno e deve circolare liberamente nella città.