Officina x la città: La città dei diritti

Sintesi delle idee prodotte dal tavolo La città dei diritti per il Progetto x la città.

Una città giusta ed eguale, laica e plurale, di cittadini consapevoli dei propri diritti, in cui nessuno si senta ospite o estraneo

In tutte le zone del nuovo decentramento nascerà uno Sportello dei diritti, a cui i cittadini potranno rivolgersi per raccogliere informazioni sul funzionamento della pubblica amministrazione, effettuare segnalazioni su condizioni di strade, scuole, parchi, giardini, semafori e passaggi pedonali, illuminazione pubblica, microdelinquenza, funzionamento dei servizi pubblici, sicurezza sul lavoro.

Per coinvolgere i cittadini stranieri nelle decisioni politiche della città, la nuova amministrazione si impegnerà perché venga fatta la legge sul diritto di voto amministrativo per i cittadini residenti da almeno tre anni. Verrà modificato lo statuto del Comune per il diritto di voto nei referendum comunali e per la partecipazione alle consultazioni popolari.

Ancora: istituire un Garante comunale dei diritti dei bambini e dei ragazzi; costituire il registro delle unioni civili per favorire la parità dei diritti e dei doveri delle comunità affettive e di vita; assicurare la piena libertà di esercizio dei culti religiosi in condizioni di dignità.

Per ampi strati della popolazione, dagli anziani ai bambini, è molto importante la presenza degli animali di affezione e per questo lanceremo il Manifesto dei diritti degli animali.

Scarica il testo completo del Progetto per la città, o leggi l’anteprima su Scribd.