Primo Piano

Ambiente, Sì ai cinque referendum

Votare per i referendum è una cosa importante, ed è altrettanto importante dire sì ai cinque quesiti. I cinque sì sono la base di partenza per migliorare la qualità della vita della Città: riduzione dello smog, del traffico attraverso il potenziamento del trasporto pubblico con l’estensione di ecopass e della pedonalizzazione del centro. La mobilità sostenibile è la prima condizione indispensabile per rispondere ai problemi di Milano. Il trasporto pubblico deve  diventare più efficiente, rapido e meno costoso. Ecopass deve essere esteso e trasformarsi in Congestion Charge. Ogni mezzo che entra nella cerchia dei bastioni deve pagare, anche in maniera differenziata. Questa nuova Congestion Charge, sul modello di Londra, sarà un provvedimento equo e non soltanto un aggravio ulteriore verso coloro che non possono permettersi l’acquisto di un’auto nuova. Le risorse recuperate dall’Ecopass verranno riutilizzate proprio sul potenziamento del trasporto pubblico. Oltre al nuovo Ecopass bisogna incrementare i mezzi pubblici e ampliare il Bike sharing nelle zone periferiche.  Il secondo quesito referendario è molto importante perché promuove una riduzione del consumo di suolo, in questo senso bisogna destinare il 50% della superficie urbana che deve essere riqualificata in verde pubblico con la piantumazione di nuovi alberi. Colgo l’occasione per riaffermare che il report su Ecopass da parte della Commissione dei Saggi deve essere discusso in Consiglio comunale e non deve essere utilizzato solo per costruire il programma del centrodestra.